7 Gennaio 2021

Angelo La Riccia – Intervista al Direttore Commerciale e Marketing di VOIHotels

Qualità, professionalità e rispetto delle tradizioni. Queste sono le caratteristiche distintive e i concetti chiave della rinomata catena alberghiera del Gruppo Alpitour che ha fatto del Made in Italy il proprio cavallo di battaglia. A parlarne è Angelo La Riccia, il Direttore Commerciale e Marketing di VOIHotels, che in questa intervista ci parla di linee di prodotto e mercato, piani tariffari e strategia in relazione alla Vera Ospitalità Italiana.

Ciao Angelo, ci racconti la tua storia?

Da 2 anni rivesto il ruolo di Direttore Commerciale e Marketing di VOiHotels, la divisione alberghiera del Gruppo Alpitour, primo operatore turistico Italiano, con un fatturato di 2 Miliardi di € nel 2019. 

VOIHotels ha 2 linee di prodotto: la prima, spiccatamente leisure, con resort al mare, in Italia e all’Estero, dedicati al target famiglia; la seconda, è una collezione di strutture di lusso in destinazioni italiane iconiche (Taormina, Roma e Venezia).

Il mio ruolo è di definire le strategie commerciali volte allo sviluppo del business attraverso l’individuazione di nuove nicchie di mercato coordinando i vari dipartimenti, Revenue, Sales e Marketing in chiave di visione olistica.

In precedenza ho ricoperto lo stesso ruolo per UNAHotels per 11 anni, e, prima di allora, ho fatto il direttore di Albergo in alcune strutture del Gruppo.

Ci fai una fotografia del tuo Ospite Tipo? Quali sono le caratteristiche principali dei tuoi ospiti e dei loro soggiorni?

Come anticipato, abbiamo 2 linee di prodotto e quindi di clienti:

  • Nei resort, il target è principalmente quello delle famiglie, sia Italiane che straniere, con soggiorni medi settimanali.
  • Negli hotels della collezione LifeStyle, l’ospite tipo è la coppia, principalmente straniera, amante del bello e dell’italianità, in tutte le sue sfumature. 

Quali erano le problematiche principali che hai riscontrato e perché hai deciso di attivare la tariffa BeSafe Rate?

Il nostro è un Gruppo che per appartenenza e per storia, ha sempre lavorato con il mercato B2B e quindi ha seguito le regole tipiche di quella vendita, caparra e flessibilità totale nelle cancellazioni. Il nostro obiettivo è quello di sviluppare di più la parte B2C, con piani tariffari dinamici e in linea con il mercato.

Come hai integrato la tariffa BeSafe Rate nella tua strategia di vendita?

Il punto interessante della tariffa BeSafe, è la possibilità di poterla integrare con diverse soluzioni. Nel caso specifico, come impostazione iniziale, l’ho uniformata alla tariffa prepagata, per acquisire un vantaggio competitivo con la distribuzione. Per la prossima stagione, in attesa che il mercato si stabilizzi, andremo a definire con maggior puntualità e varietà l’applicazione della stessa.

Che impatto ha avuto l’implementazione della tariffa sulla tua organizzazione e quali sono i risultati che hai ottenuto affiliandoti a questo servizio?

Sicuramente è stata una novità ben accetta, soprattutto dai clienti abituati a comprare tariffe prepagate. Dal punto di vista dell’organizzazione, non c’è stato alcun impatto di tipo operativo.

Come vedi il tuo futuro e il futuro dell’industria turistica in generale?

Domanda impegnativa, sicuramente c’è da immaginarsi un cambiamento, che però deriverà principalmente dalle diverse e più mature esigenze da parte del cliente che sarà sempre più attento ed esigente. Servirà tempo, non so dirvi quanto perché non mi avventuro a dare opinioni non sostenute dai dati, ma la gente, riprenderà  a viaggiare.

 

Read More